A cosa serve la visita ortottica?

L’obiettivo della visita ortottica è diagnosticare la presenza di anomalie a carico dell’apparato neuromuscolare dell’occhio (alterazioni a carico dei muscoli degli occhi, deficit dei nervi che comandano i muscoli degli occhi) e le alterazioni che da questi derivano (visione doppia, confusione, strabismo, ambliopia, anisometropia, paralisi oculari, ecc) e disporre il trattamento adatto al disturbo riscontrato. . Si occupa, infatti, con appositi test e strumenti di verificare i disturbi motori della visione, che sono tipici nei bambini in età scolare e prescolare, di lavorare sulla prevenzione e con precisi esercizi ortottici di riabilitare l’occhio al suo corretto funzionamento dopo un trauma, un operazione chirurgica o una patologia.

Come si svolge la visita ortottica?

Generalmente la visita ortottica dura tra i 15 e i 20 minuti e comprende la sottoposizione misurazione dell’acuità visiva e la valutazione della motilità oculare, del senso della tridimensionalità (“stereopsi”), della convergenza, dei movimenti che permettono agli occhi una visione unitaria, dell’accomodazione.

Per rispondere a questa esigenza da parte dei clienti, una nuova figura professionale ci affianca nel nostro organico: L’Ortottista Gloria Martinelli. Scopri di più

Prenota la tua visita online